Nella nottata di ieri 17 marzo 2020 è stato Pubblicato in G. U. il Decreto Legge n. 18 denominato “Decreto Cura Italia” contenente Misure di potenziamento del Servizio Sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese. 

A seguire le misure ritenute maggiormente significative.

Rimessione in termini per i versamenti scadenti il 16 marzoTutti i versamenti fiscali scaduti il 16 marzo 2020 sono rinviati:

      • Al 20 MARZO per i contribuenti con ricavi superiori a 2 milioni di euro,
      • Al 31 MAGGIO per gli altri contribuenti.

Tutti gli altri versamenti verso la Pubblica Amministrazione, compresi i contributi previdenziali e assistenziali, scaduti il 16 marzo, sono prorogati al 20 marzo.

Sospensione dei versamentiSono sospesi i versamenti scadenti dal 08.03.2020 al 31.03.2020 per i contribuenti che nel 2019 hanno maturato ricavi o compensi di importo NON superiore ad euro 2 milioni; più in particolare sono sospesi i seguenti versamenti:

      • Iva
      • Addizionali Irpef
      • Ritenute alla fonte
      • Contributi previdenziali e assistenziali
      • Premi di assicurazione obbligatoria.

I versamenti sospesi dovranno essere effettuati ENTRO IL 31 MAGGIO 2020, in un’unica soluzione o in 5 rate mensili a partire dal 31 maggio, senza sanzioni e interessi.

Sospensione degli altri adempienti fiscaliTutti gli adempimenti FISCALI in scadenza dall’08.03.2020 al 31.05.2020, diversi dai versamenti e dall’effettuazione delle ritenute alla fonte e delle trattenute relative alla addizionali regionali e comunali, sono SOSPESI.

Tali adempimenti sospesi dovranno essere effettuati entro il 30 giugno 2020 senza applicazione di sanzioni.

Resta confermato al 31 MARZO 2020 l’invio delle CU per consentire la preparazione delle dichiarazioni precompilate.

Particolari categorie di contribuentiPer le seguenti categorie di soggetti:

      • Operanti nel settore turistico;
      • Che gestiscono teatri, sale da concerto, sale cinematografiche;
      • Che organizzano costi, fiere ed eventi compresi quelli di carattere artistico, culturale, ludico. Sportivo e religioso
      • Soggetti che gestiscono attività di ristorazione, gelaterie pasticcerie, bar e pub,

il termine di versamento delle ritenute, dei contributi previdenziali e assicurativi, relativi a redditi di lavoro dipendente e assimilati dovuti fino al 30 aprile 2020 (compresa l’iva di marzo) è fissato al 31 MAGGIO 2020 (in unica soluzione o 5 rate mensili di pari importo senza sanzioni e interessi).

Rinvio effettuazione ritenute d’accontoI compensi/ricavi percepiti fino al 31.03.2020 dai soggetti con ricavi o compensi NON superiori ad euro 400.000,00 NON sono soggetti a ritenuta d’acconto a fronte della presentazione di apposita dichiarazione al sostituto d’imposta, con conseguente obbligo di versare tali importi in autoliquidazione entro il 31 maggio 2020 in un’unica soluzione o in 5 rate mensili (senza sanzioni e interessi).
Sospensione dei carichi affidati all’agente della riscossione.

(Si precisa che ad oggi non risultano sospesi i termini di pagamento relativi ad Avvisi bonari e rate da dilazione dei ruoli).

Sono sospesi i termini dei versamenti scadenti dal 08.03.2020 al 31.05.2020 relativi a:

      • Cartelle di pagamenti emesse dagli agenti della riscossione
      • Avvisi di accertamento esecutivi emessi dall’Agenzia delle Entrate
      • Avvisi di addebito emessi dagli enti previdenziali;
      • Atti di accertamento emessi dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli;
      • Ingiunzioni e atti esecutivi emessi dagli enti locali.

I versamenti dovranno essere effettuati entro il 30.06.2020.

Sospensione rimborso prestiti PMIIl pagamento delle rate dei prestiti accordati da banche o altri intermediari finanziari (comprese le rate dei leasing) alle PMI e alle microimprese è sospeso fino al 30 settembre 2020.

I prestiti NON RATEALI con scadenza contrattuale anteriore al 30 settembre 2020 sono prorogati, senza alcuna formalità, fino al 30 settembre 2020.

Le linee di credito accordate “sino a revoca” e i finanziamenti accordati a fronte di anticipi su crediti esistenti al 29 febbraio 2020 non possono essere revocati fino al 30 settembre 2020.

E’ in ogni caso richiesta una autocertificazione con la quale la Pmi attesta di aver subito una riduzione parziale o totale dell’attività quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da Covid-19.

Per le relative procedure si consiglia di contattare direttamente i propri Istituti di credito.

Sospensione mutui prima casa per titolari di partita Iva (lavoratori autonomi e liberi professionisti)I liberi professionisti e i lavoratori autonomi avranno la possibilità di chiedere la sospensione delle rate dei mutui sulla prima casa, dietro presentazione di apposita autocertificazione attestante la perdita, in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020, di oltre il 33% del proprio fatturato rispetto all’ultimo trimetre 2019.
Indennità una tantum a professionisti e co.co.co.E’ riconosciuta una indennità una tantum, per il mese di marzo, pari ad euro 600,00, ai liberi professionisti titolari di partita Iva, ai lavorato titolari di rapporti di co.co.co. iscritti alla gestione separata non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme di previdenza obbligatorie, agli operatori agricoli a tempo determinato, ai lavorati autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Ago e ai lavoratori stagionali del settore turismo.

Esclusi i liberi professionisti iscritti alle proprie Casse di previdenza private anche se è stato istituito un Fondo per il redditi di ultima istanza con una dotazione di euro 300 milioni per coprire gli esclusi da tale indennizzo.

Sospensione udienze e differimento dei terminiTutte le udienze previste dal 9 aprile al 15 aprile sono rinviate.

Nello stesso periodo sono sospesi i termini per il compimento di qualsiasi atto nell’ambito degli stessi procedimenti.

Rinviati anche i procedimenti dinnanzi alla Commissioni tributarie.

Premio per il lavoro svolto in sedePer il mese di marzo è riconosciuto un premio di euro 100,00 ai lavorato dipendenti con reddito complessivo lordo non superiore a 400.000,00 euro che non possono beneficiare dello “Smart-working”, da calcolare in proporzione al numero di giorni di lavoro svolti presso la sede di lavoro.

Il premio viene riconosciuto in via automatica dal sostituto d’imposta e non concorre alla formazione del reddito.

Differimento termini approvazione bilancioTutte le società possono convocare l’assemblea per l’approvazione del bilancio entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale.

È possibile che i soci intervengano in assemblea mediante messi di telecomunicazione anche in deroga agli statuti sociali.

Non è necessario che il Presidente e il segretario si trovino nello stesso luogo.

Sospensione termini di accertamento e termini per le risposte alle istanze di interpelloSono sospesi dal 08.03.2020 al 31.05.2020 i termini delle attività di liquidazione, controllo, accertamento, riscossione e contenzioso da parte degli uffici degli enti impositori.

Ugualmente sospesi i termini per fornire risposte alle istanza di interpello e consulenza fiscale.

Credito d’imposta per sanificazione ambientiA favore dei soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, è riconosciuto un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro, fino ad un massimo di euro 20.000,00.

Il credito è riconosciuto fino all’esaurimento di euro 50 milioni di euro per l’anno 2020.

La modalità di ottenimento del credito è subordinato ad apposito decreto attuativo.

Credito d’imposta contratti di locazioneA favore degli esercenti attività d’impresa è riconosciuto un credito d’imposta pari al 60% dell’ammontare del canone di locazione relativo al mese di marzo 2020 di immobili rientranti nella categoria catastale C/1 (negozi e botteghe).
Detrazione erogazioni liberaliLe erogazioni liberali in denaro volte a finanziare gli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza Coronavirus sono detraibili dal reddito delle persone fisiche al 30% per un importo non superiore a euro 30.000,00.

Prevista una deduzione dal reddito anche per le imprese.

Quanto sopra esposto rappresenta una primo indicativo riassunto delle disposizione del decreto “Cura Italia” pubblicato in gazzetta ufficiale questa notte.

Sarà nostra cura fornirVi ulteriori chiarimenti e precisazioni nei prossimi giorni.

Saluti.

Studio Pietrobon & Associati

© 2015 STUDIO PIETROBON & ASSOCIATI - Piazza della Serenissima, 20 - 31033 Castelfranco Veneto (TV) - P.I. 04495650261 | Credits | Sitemap