Nella attuale legge di bilancio 2018, viene anche prorogato il cosiddetto “ Iper ammortamento”.

Viene prolungata l’agevolazione a favore delle imprese che effettuano investimenti in beni nuovi finalizzati a processi di trasformazione tecnologica/digitale, ricompresi nella Tabella A. Le acquisizioni devono sempre avvenire entro il 31.12.2018 oppure entro il 30.06.2019 a condizione che entro il 31.12.2018 sia accettato il relativo ordine e siano pagati acconti in misura pari al 20 % del costo di acquisizione. Per i beni inseriti nella tabella A, il costo viene incrementato del 150%.

Tabella A: BENI FUNZIONALI ALLA TRASFORMAZIONE TECNOLOGICA E DIGITALE DELLE IMPRESE SECONDO IL MODELLO “INDUSTRIA 4.0”. All’interno l’allegato è suddiviso in:

  1. Beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti.
  2. Sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità.
  3. Dispositivi per l’interazione uomo macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in logica “4.0”.

Per i beni inseriti nella Tabella B, il costo di acquisto viene incrementato del 40% e comprende in generale Beni Immateriali strumentali.

Tabella B – BENI IMMATERIALI (SOFTWARE, SISTEMI E SYSTEM INTEGRATION, PIATTAFORME E APPLICAZIONI) CONNESSI A INVESTIMENTI IN BENI MATERIALI “INDUSTRIA 4.0”.

In sede di approvazione della Legge, la gamma dei beni immateriali agevolabili è stata ampliata con l’aggiunta di alcune voci.

Al fine dell’applicazione dell’ iperammortamento 2018 , l’impresa o il lavoratore autonomo che ne vuole usufruire, deve produrre una dichiarazione del legale rappresentante ovvero, per i beni di costo superiore a € 500.000,00 una perizia tecnica giurata rilasciata da un ingegnere /perito industriale / ente di certificazione accreditato, attestante che il bene:
possiede le caratteristiche tecniche tali da includerlo nell’elenco di cui agli Allegati A / B;
è interconnesso al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura.
Attenzione: per i soggetti che beneficiano dell’Iper ammortamento (anche relative al 2017) in caso di cessione del bene agevolato nel periodo di fruizione della maggiorazione, non si verifica la perdita delle residue quote del beneficio a condizione che, nello stesso periodo di realizzo, l’impresa: sostituisca il bene originario con un bene strumentale nuovo con caratteristiche tecnologiche analoghe o superiori a quelle previste dalla Tabella A e attesti l’effettuazione dell’investimento sostitutivo, le caratteristiche del nuovo bene e il requisito dell’interconnessione.

Rispettate le predette indicazioni, se il costo di acquisto del nuovo bene è inferiore a quello del bene originario, la fruizione del beneficio continua relativamente alle quote residue fino a concorrenza del costo del nuovo investimento.

© 2015 STUDIO PIETROBON & ASSOCIATI - Piazza della Serenissima, 20 - 31033 Castelfranco Veneto (TV) - P.I. 04495650261 | Credits | Sitemap