Con comunicato stampa del 24 giugno 2016, l’Agenzia Entrate ha informato che prosegue l’attività di invio di comunicazioni ai contribuenti per “anomalie” riscontrate nel Modello Unico e 730/2013 relativo ai redditi 2012.

Il Provvedimento 24 giugno 2016 ha individuato le modalità con le quali l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei contribuenti le informazioni relative alle anomali riscontrate e riferite a specifiche tipologie reddituali.

Le comunicazioni di anomalia studi di settore sono inviate a seguito di un semplice riscontro tra i dati contenuti nel Modello Unico e 730/2013 e i dati trasmessi all’Anagrafe Tributaria.

Le comunicazioni in esame riguardano le seguenti tipologie di reddito:

  • Redditi dei fabbricati
  • Redditi di lavoro dipendente
  • Assegni periodici
  • Redditi di partecipazione
  • Redditi diversi
  • Redditi di lavoro autonomo
  • Redditi di capitale
  • Redditi d’impresa

L’invio delle comunicazioni di anomalia studi di settore avviene tramite PEC o, se l’indirizzo non è attivo o non è registrato nell’Indice Nazionale degli indirizzi di posta elettronica certificata (INI-PEC), tramite posta ordinaria.

© 2015 STUDIO PIETROBON & ASSOCIATI - Piazza della Serenissima, 20 - 31033 Castelfranco Veneto (TV) - P.I. 04495650261 | Credits | Sitemap