L’art. 4 ha introdotto il regime della cedolare secca con aliquota del 21%, su opzione, per i contratti di locazione breve stipulati a decorrere dal 01.06.2017.
Definizione di locazione breve: per locazione breve si intendono i contratti di immobili ad uso abitativo di durata non superiore a 30 giorni, compresi quelli che prevedono servizi di fornitura di biancheria e pulizia locali, stipulati da persone fisiche private, direttamente o tramite intermediari immobiliari, anche tramite la gestione di portali on-line.
Altri adempimenti introdotti al fine di contrastare l’evasione fiscale:
Gli intermediari immobiliari che, anche tramite la gestione di portali on-line, mettono in contatto le persone che cercano un immobile con persone che dispongono di unità da locare, devono trasmettere all’Agenzia delle Entrate i dati dei contratti conclusi per il loro intervento. In caso di omessa, incompleta o infedele comunicazione dei dati è prevista una sanzione da 250 euro a 2.000 euro. Sanzione ridotta a euro 150,00 e 1.000,00 se la trasmissione avviene entro 15 giorni dalla scadenza.
Gli stessi intermediari, se incassano i canoni/corrispettivi relativi a tali contratti, devono operano una ritenuta alla fonte del 21% a titolo d’imposta e provvedere al relativo versamento in qualità di sostituti d’imposta. Se non è esercitata l’opzione per la cedolare secca, la ritenuta così operata di considera a titolo di acconto.

© 2015 STUDIO PIETROBON & ASSOCIATI - Piazza della Serenissima, 20 - 31033 Castelfranco Veneto (TV) - P.I. 04495650261 | Credits | Sitemap