A partire dal 01 gennaio 2015, quando è entrata in vigore la nuova normativa del Reverse Charge di cui all’art. 17 co. 6 lett. a ter) del DPR 633/72, molteplici sono state le questioni affrontate dall’Agenzia delle Entrate che ha dato le proprie indicazioni.

Ora, in risposta ad una Interrogazione Parlamentare del 10.03.2016, la n. 5-08065, nella quale era stato posto il dubbio se “le opere murarie effettuate per il committente, nell’ambito di attività di ampliamento di un edificio” fossero da assoggettare a Reverse oppure no, il Mef ha dato risposta affermativa specificando che queste opere murarie devono sottostare al regime del Reverse in quanto rientrano nelle operazioni di cui al codice ATECO 43.39.01 (altri lavori di costruzione e installazione n.c.a.).

© 2015 STUDIO PIETROBON & ASSOCIATI - Piazza della Serenissima, 20 - 31033 Castelfranco Veneto (TV) - P.I. 04495650261 | Credits | Sitemap