Il Decreto Cura Italia ha previsto l’emanazione di un bando che consente il rimborso del 100% delle spese sostenute per l’acquisto di Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) finalizzate al contenimento e al contrasto dell’emegenza Covid – 19. Invitalia ha pubblicato sul proprio sito istituzionale il relativo bando per l’ottenimento del rimborso delle spese sostenute.

 

BENEFICIARI

Possono beneficiare del rimborso tutte le imprese con sede in Italia, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico e dal regime contabile.

 

DISPOSITIVI di PROTEZIONE AMMISSIBILI

  • mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3;
  • guanti in lattice, in vinile e in nitrile;
  • dispositivi per protezione oculare;
  • indumenti di protezione, quali tute e/o camici;
  • calzari e/o sovrascarpe;
  • cuffie e/o copricapi;
  • dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;
  • detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici.

 

CONTRIBUTO

L’importo massimo rimborsabile è di 500 euro per ciascun addetto dell’impresa richiedente e fino

a 150mila euro per impresa.
E’ concesso il rimborso del 100% delle spese ammissibili. La dotazione finanziaria è di € 50 milioni.

 

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

  1. Il bando prevede 3 fasi:
    Le imprese interessate dovranno inviare la prenotazione del rimborso dall’11 al 18 maggio 2020, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 18.00 attraverso uno sportello informatico dedicato, raggiungibile dal sito di Invitalia al seguente link: https://www.invitalia.it/cosa- facciamo/emergenza-coronavirus/impresa-sicura
  2. Sempre sul sito dell’Agenzia, seguirà la pubblicazione dell’elenco, in ordine cronologico di arrivo, delle imprese ammesse alla presentazione della domanda di rimborso.
  3. La domanda potrà essere compilata dalle ore 10.00 del 26 maggio alle ore 17.00 dell’11 giugno 2020 sempre attraverso procedura informatica.

I rimborsi verranno effettuati entro il mese di giugno.

 

REQUISITI DI SPESA

Ai fini dell’accesso al rimborso, le spese devono:
a) essere sostenute nel periodo compreso tra il 17 marzo 2020 e la data di invio della domanda di rimborso;
b) essere connesse a fatture pagate alla data dell’invio della domanda di rimborso attraverso conti correnti intestati all’impresa e con modalità che consentano la piena tracciabilità del pagamento e l’immediata riconducibilità dello stesso alla relativa fattura;
c) essere non inferiori a euro 500,00;
d) non essere oggetto di ulteriori forme di rimborso o remunerazione erogate in qualunque forma e a qualsiasi titolo.

 

INFORMAZIONI NECESSARIE

Le informazioni necessarie per poter procedere a finalizzare la prenotazione del rimborso sono le seguenti:

  • codice fiscale dell’impresa proponente;
  • codice fiscale del legale rappresentante, ovvero del titolare dell’impresa proponente o della persona giuridica in caso di impresa proponente amministrata da soggetti diversi dalle persone fisiche;
  • importo da rimborsare.

Deve essere infine ricordato che l’impresa è tenuta a dichiarare, nella domanda di rimborso, il numero degli addetti a cui è riferibile l’acquisto dei DPI.

Come indicato, le spese minime sostenute per ottenere il rimborso ammontano ad euro 500,00. Per spese di importo inferiore, resta valido il credito d’imposta pari al 50%.

Rimanendo a più completa disposizione per fornirVi ulteriori chiarimenti e precisazioni, cogliamo l’occasione per porgerVi cordiali saluti.

Studio Pietrobon & Associati

© 2015 STUDIO PIETROBON & ASSOCIATI - Piazza della Serenissima, 20 - 31033 Castelfranco Veneto (TV) - P.I. 04495650261 | Credits | Sitemap